top of page

Argento colloidale 10 ppm: antibiotico naturale

Argento: antisettico utilizzato da secoli


Già nell'antichità, quando non si aveva idea dell'esistenza di batteri e virus, si sfruttavano le proprietà germicide e battericide dell'argento.


I greci, i persiani e i romani usavano contenitori d'argento per conservare vari liquidi (acqua vino, ecc.) per i sovrani e l'aristocrazia. Questi liquidi mantenevano la loro freschezza e qualità più a lungo che in altri contenitori. L'argento veniva utilizzato anche per realizzare utensili da tavola e da cucina, una tradizione che è continuata fino ad oggi. Sembra che ingerire regolarmente minuscole particelle d'argento in questo modo contribuisse a rafforzare le difese immunitarie.


I macedoni ponevano piastre d'argento sulle ferite per aiutarle a guarire in modo sano e rapido.


Intorno al 400 a. C., Ippocrate insegnava che il fiore d'argento, una polvere finissima, guariva le ferite ulcerate.


Avicenna (1493 - 1541), uno dei più famosi alchimisti e medici del Rinascimento, considerato il padre dell'omeopatia e il precursore della tossicologia, insegnò l'uso medico dell'argento.


I medici cinesi usavano l'argento per preparare tonici a base di erbe e per trattare infezioni, suppurazioni croniche, ferite settiche, febbri e sinusiti.


Durante la guerra del 1914-18, la foglia d'argento fu utilizzata per combattere le infezioni nelle ferite.


Nel 1938, esistevano oltre 90 preparati medici brevettati a base di argento e tra i produttori figuravano importanti aziende farmaceutiche come Merck, Schiff e Park Davis & Co.


È stata certamente la tradizione del tè britannico (acqua bollita servita in teiere d'argento) a permettere alla Gran Bretagna di sopravvivere ai terribili miasmi delle sue colonie in India, a Hong Kong e altrove.


Era pratica comune mettere monete d'argento sul fondo dei contenitori del latte o degli alimenti per preservarne la freschezza, un metodo adottato dai pionieri americani nel XIX secolo.


Infine, nelle tradizioni dei nostri nonni, i padrini o le madrine dei bambini battezzati portavano in dono un piccolo cucchiaio e una tazza d'argento.


Il sangue blu dei nobili


Era convinzione fondate che il sangue blu fosse la prova di un diritto divino a regnare. In realtà, fin dalla nascita, queste stirpi principesche mangiavano e bevevano solo da servizi in argento. Con il tempo, il loro sangue si è caricato di sali d'argento, da cui il colore bluastro (che non ha nulla a che fare con il divino). Questo fenomeno insignificante si chiama infatti "argirismo", che attualmente viene classificato come una malattia più o meno temibile, per dissuadere le persone all'uso dell'argento colloidale, che guarda caso, va a fare ombra a tanti antibiotici.


Ora sappiamo che nessun germe, nessun batterio può sopravvivere al contatto con l'argento.


La scoperta scientifica dell'argento colloidale


La validità di queste pratiche popolari è stata dimostrata dalla ricerca moderna. È stato stabilito che l'argento metallico si dissolve nell'acqua a una velocità di circa 10 parti per miliardo di molecole d'acqua (10 ppm), o 10 microgrammi per litro, e che questa dose estremamente bassa uccide escherichia-coli e salmonella.


Nel 1893, Karl von Nägeli, un botanico svizzero, riferì che i batteri messi a contatto con una soluzione di nitrato d'argento a 10 ppm (argento colloidale) morivano in tre o quattro minuti.


Nel 1897, il dottor Benno Crede introdusse l'argento colloidale, ovvero l'argento sotto forma di particelle microscopiche disperse nell'acqua, per uso medico, ipotizzando che l'argento colloidale potesse possedere le proprietà germicida dei sali d'argento senza la tossicità. In seguito, i colloidi d'argento furono ampiamente utilizzati per via interna per combattere varie infezioni batteriche (setticemia, febbri reumatiche, artrite gonorroica, difterite, meningite cerebrospinale, ecc.).


Oggi i migliori filtri per l'acqua utilizzano per evitare la contaminazione delle candele filtranti e molte compagnie aeree utilizzano questo filtro a bordo dei loro aerei.


La NASA ha scelto un sistema di trattamento dell'acqua basato su colloidi d'argento per le sue navette spaziali. Anche i russi utilizzano l'argento colloidale per sterilizzare l'acqua a bordo delle loro navette spaziali.


Negli Stati Uniti, alcune città hanno scelto l'argento per il trattamento delle acque reflue e delle piscine. In Nebraska, l'efficacia dell'argento colloidale è stata dimostrata decontaminando una piscina deliberatamente inquinata da escherichia-coli. Passando attraverso filtri dotati di elettrodi d'argento, l'acqua è stata completamente purificata nel giro di 3 ore.


Un antibiotico ad ampio spettro


Con riferimento alle comunicazioni medico-scientifiche, l'argento in forma colloidale può essere paragonato all'azione di un antibiotico ad ampio spettro. La sua presenza innesca un enzima che agisce localmente su ogni batterio, organismo unicellulare, fungo e virus, alterando il loro equilibrio acido-base e stabilendo una resistenza esterna. Questi organismi vengono inattivati entro un tempo di contatto di circa 6 minuti, a volte meno. Regrediscono nella loro ciclogenesi e poi muoiono. Questo è stato verificato dal laboratorio della California State University e dal lavoro del Dr. Robert O'Becker della Syracuse University Medical Center (New Yord - USA).


Anche i microbi polimorfi e i mutanti sono sensibili a questo colloide. La maggior parte degli antibiotici prescritti uccide solo una frazione degli agenti che causano le malattie, mentre l'argento colloidale è efficace contro circa 650 malattie (lavoro del Dr. Henri Crooks).


I veterinari hanno trovato una soluzione per il parovirus del cane per altre malattie di piccoli e grandi animali. La soluzione di argento colloidale può essere utilizzata sia come trattamento curativo che come trattamento profilattico (preventivo). Questo scudo naturale rafforza le difese dell'organismo.


L'argento come chelante del mercurio


È noto che l'argento e il mercurio hanno una forte affinità. Infatti, le tradizionali amalgame dentali (otturazioni) sono costituite da leghe contenenti mercurio e argento, tra gli altri elementi. Recentemente si è scoperto che questa affinità crea un tropismo reciproco a livello cellulare, per cui l'argento in forma colloidale agisce come un eccellente chelante del mercurio. La prova è che il mercurio si trova nelle urine delle persone mercurizzate che assumono argento colloidale.


Indicazioni multiple interne e/o esterne


-Ascessi,

-Acne,

-Adenite,

-Allergie,

-Tonsillite,

-Angina,

-Ulcere della bocca (afta),

-Appendicite,

-Artrite,

-Asma bronchiale,

-Lesioni,

-Bronchite,

-Ustioni di 2° e 3° grado,

-Cancro della pelle,

-Candida albicans,

-Accelera la guarigione,

-Congiuntivite,

-Malattia di Crohn,

-Diarrea,

-Epidemie (preventivo e curativo),

-Scabbia,

-Influenza,

-Epatite C,

-Idrosadenite,

-Immunità insufficiente,

-Infezioni in generale,

-Intossicazione alimentare,

-Lebbra,

-Lievito,

-Malattia di Lyme,

-Malattie infantili,

-Malaria,

-Muffa,

-Micosi,

-Infiammazione dell'orecchio,

-Malattia parodontale,

-Peste bubonica,

-Infiammazione tra le dita dei piedi "Piede d'atleta",

-Morsi di ragno,

-Ferite (disinfezione),

-Polmonite,

-Raffreddore,

-Sinusite,

-Tigna,

-Ulcere dello stomaco,

-Ulcere varicose,

-Verruche,

-Occhi (varie condizioni),

-Herpes zoster.


Posologia


Il proprio terapeuta va consultato per la posologia.


Come ottenere l'argento colloidale 10 ppm


Alcuni fornitori vendono bottiglie da 20 o 30 ppm, lasciando intendere che più alta è la concentrazione di ppm nell'acqua, più potente è il prodotto, il che non è vero. La concentrazione più efficace rimane la 10 ppm.


Più i microagglutinati colloidali sono piccoli, più sono efficaci, mentre più sono grandi, meno sono efficaci. La dimensione dei microagglutinati colloidali è proporzionale alla corrente visualizzata durante l'elettrolisi di produzione. Quando si acquista un prodotto, è impossibile sapere se l'amperaggio è stato aumentato o diminuito per motivi di velocità di produzione.


L'argento colloidale dovrebbe avere un leggerissimo sapore metallico. Tuttavia, l'argento colloidale viene spesso venduto con un sapore non superiore a quello dell'acqua pura.


L'argento colloidale non ama la luce che lo fa ingiallire: le bottiglie devono essere avvolte o conservate in un armadio buio.


Qualora ci fossero domande, mi tengo a completa disposizione.


N. M. V.






25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page