top of page

Riflessioni post-COVID di un terapista in Medicina Olistica

La Dr. ssa Alexandra Henrion Caude non ha più bisogno di presentazione. Genetista di fama internazionale. Dall'inizio dell'emergenza COVID, si è sempre schierata contro la gestione della pandemia da chi ci governa e contro la vaccinazione COVID sperimentale. Non ha scelto la via della facilità, in quanto ha optato per la verità. Questo ha fatto sì che da scienziata apprezzata e stimata, è passata allo stato di complottista, negazionista, pazza e tanti altri aggettivi poco eleganti. In Francia, era una figura di primo ordine assieme al Professore Perronne e al Professore Montagnier. In Italia, è successo lo stesso alla Dr. ssa Loretta Bolgan, Dr. Massimo Citro, Dr. De Donno,... Negli USA, sono stati il Pr. Peter Doshi e il Dr. Richard M. Fleming ad essere stati discreditati. Nel nostro piccolo, vale a dire in Ticino, è stato il Dr. Roberto Ostinelli ad avere espresso perplessità.


La Dr. ssa Henrion Caude ha messo in gioco la sua carriera e solo questo dimostrerebbe che una persona sana di mente non lo farebbe qualora non fosse sicura di ciò che dichiara. Prima dell'emergenza COVID era l'orgoglio del mondo intero, particolarmente dei francesi. Dopo avere inizialmente affermato che la strada ufficiale per combattere la pandemia non era quella dei vaccini, allora i giornalisti del mainstream, con arroganza e prepotenza, l'hanno scartata dai loro interventi solo perché emetteva dei dubbi e poteva portare pregiudizio al grande piano vaccinale messo in atto.


Mi ricordo all'inizio della pandemia la invitarono su una platea televisive mettendola in confronto a un dietista per parlare di genetica. Senza nulla togliere alla categoria dei dietisti, credo che una genetista ne sappia un po' di più di vaccini ARN in confronto a quello che può conoscere sull'argomento un dietista. La cosa più buffa di quella trasmissione è che il dietista si è trovato abbastanza rapidamente in difficoltà di fronte alle spiegazioni di Alexandra Henrion Caude che erano di una logica matematica. La decisione del canale è stato tagliare il microfono della Dottoressa.


Ho pensato che ci fosse qualcosa di dissonante nella pandemia, ancora prima che venissero messi sul mercato i vaccini COVID, quando per mia fortuna, tutti i pazienti che stavano male, e lo ricordo non potevano andare dal proprio medico in quanto il protocollo ufficiale prevedeva vigila attesa e paracetamolo, si recavano da me. È iniziata una vera e propria processione in un momento in cui si parlava di virus mortale. Ho iniziato a curare le persone con stimolazione di agopunti grazie ad informazioni frequenziali (medicina tradizionale cinese), fitoterapia, aromaterapia e kinesiologia. Nemmeno una complicazione, tanto meno un decesso. Anzi, tutti i miei pazienti si sono ripresi perfettamente.


Poi ha iniziato la follia della vaccinazione sperimentale. Visto che non si sapeva a cosa si andava in contro e che è stato fatto tutto così in fretta, ho pensato che il vaccino fosse superfluo dopo questi successi clinici. Tuttavia volevo capire un po' di più su questi vaccini in quanto all'inizio ero scettico su queste iniezioni ma non ancora del tutto contro. Mi dicevo se permette di impedire il contagio e di ammalarsi, allora perché no. Ho fatto dunque quello che faccio sempre quando non conosco un farmaco, ossia vado a leggere il foglietto illustrativo. Sorpresa!!! Sul bugiardino di Moderna, vaccino iniettato in priorità alla popolazione svizzera, c'era scritto: "Non impedisce la trasmissione e di contrarre il COVID". Per me era chiaro che questo prodotto serviva unicamente a fare ingrassare le case farmaceutiche. Ma non immaginavo ancora gli effetti avversi... In quel momento, ho pensato, ingenuamente, che la popolazione avrebbe fatto il mio stesso ragionamento, ossia d'informarsi grazie al foglietto illustrativo. Ho sensibilizzato tramite tutti i canali a me possibili. E lì, stupore! Hanno iniziato gli insulti, le minacce e le intimidazioni. Gente che mi bloccava sui social, che mi toglieva il saluto per strada, che non m'invitava più,...

Si vede che con il trattamento riservato, mi sono fatto la pelle dura. Più c'erano nuove restrizioni contro i non punturati e più perseveravo nella mia scelta. E non era per nulla scoraggiante, anzi mi dava ancora più forza. Ero convinto più che mai della strada intrapresa.


Poi sorpresa ancora una volta... La processione di persone ammalate di COVID-19 ha lasciato il posto a persone vaccinate ma con sintomi anche gravi riconducibili ai vaccini. Problemi neurologici (perdite di memoria, problemi cognitivi, depressioni, stati d'ansia), problemi legati al ciclo mestruale scombussolato, problemi legati alla fertilità, soffi al cuore, pericarditi, miocarditi, problema dermatologici (eczema, psoriasi, dermatiti,...), problemi pressorici, circolazione sanguigna difficoltosa, sensazione di bruciore nel corpo,.... Vedo persone molto consapevoli e che riconducono i malesseri ai vaccini e altri che non vogliono crederci. Cerco in qualche modo di portare una risposta curativa, anche se non è sempre possibile.


L'aspetto più apprezzabile è che le persone che si sono curate dal COVID grazie ai miei consigli non si sono vaccinati perché hanno capito. E io, ho capito assieme a loro.


Spero che quanto successo insegni. Trovo molto triste in quanto vedo una sfiducia a livello sanitario, malgrado che non si possa fare a meno di certe cure di medicina allopatiche. Persone che mi dicono che non si fidano più dei medici. In effetti, trovo peccato che tanti medici (menomale non tutti) si siano lasciati convincere dal "vaccino" e non mettere in atto quanto appreso in immunologia e dimenticandosi anche del giuramento di Ippocrate.


Per tornare alla Dr. ssa Alexandra Henrion Caude, vorrei ringraziarla. Si è opposta a personaggi del tenore di Bassetti, Burioni che ora mettono le mani avanti dicendo che non si poteva sapere, oppure personaggi come noti giornalisti che pensavano che la genetica si studiasse sulle platee televisive.


Vorrei ringraziare di cuore i seguenti operatori nel settore della salute che mi hanno illuminato con i loro studi, i loro articoli e tutto ciò che mi ha permesso di capire quanto stesse capitando. Mi scuso già in quanto dimenticherò sicuramente qualcuno.

  • Dr. ssa Alexandra Henrion Caude

  • Pr. Christina Perronne

  • Dr. Michel de Lorgeril

  • Pr. Arne Burkhardt

  • Pr. Walter Lang

  • Dr. ssa Loretta Bolgan

  • Pr. Luc Montagnier

  • Dr. ssa Astrid Stuckelberger

  • Dr. ssa Catia Trevisani

  • Dr. Roberto Ostinelli

  • Pr. Peter Doshi

  • Dr. Massimo Citro

  • Dr. Richard M. Fleming

  • Pr. Giuseppe di Bella

  • Dr. Andrea Luchi

  • Dr. Fabio Milani

  • Irène Grosjean (naturopata)

  • Dr. Giuseppe De Donno

  • Pr. Karry Mullis

  • ...

Vi consiglio la lettura del libro "Les apprentis sorciers", scritto dalla Dr. ssa Alexandra Henrion Caude. Non so se verrà tradotto ma è un libro che riprende bene gli aspetti dell'accaduto. .


Qualora dovesse arrivare un'altra pandemia, visto che la stanno già brevettando, scusate annunciando, vorrei consigliare quanto segue:

  • rimanere calmi,

  • non farsi prendere dalla paura,

  • confrontare tutte le voci, anche quelle discordanti,

  • discutere con il proprio medico o con il proprio terapista, ponendo domande e non avere paura di contradirlo. Qualora le risposte fornite non sono convincenti, chiedere un secondo o un terzo parere. Chiedere al proprio medico o terapista le fonti di quanto annunciato in merito alla miglior terapia,

  • avere un occhio critico sulle notizie,

  • malattia = sintomi. Qualora, venga detto che una persona è malata, malgrado l'assenza di sintomi, diffidare,

  • non cadere nei ricatti del tipo: se non ti punturi, non vai al ristorante,

  • adottare un'alimentazione sana. Questo significa favorire frutta e verdura bio. Evitare cibi industriali come piatti già pronti o eccessivamente trasformati. Favorire le farine integrali. Limitare le farine raffinate 00. Eliminare gli zuccheri. Limitare le carni (max 1 volta alla settimana), eliminare gli affettati contenenti nitrati (altamente cancerogeni), eliminare i conservanti, coloranti, aditivi.

  • cercare di curarsi con farmaci, integratori, fitocomplementi,... che non vanno a deprimere ancora maggiormente il sistema immunitario ma che lo vanno a rinforzare (ad esempio il paracetamolo elimina il glutatione, unico antivirale naturale che il corpo produce),

  • fare movimento, respirare aria pulita,

  • cambiarsi le idee con attività piacevoli, all'aperto di preferenza,

  • limitare l'uso della mascherina. Indossarla unicamente quando fa senso (tosse, starnuti),

  • non rimanere attaccati al proprio cellulare, pc, tablet 24 ore al giorno. Anche le onde elettromagnetiche sono nocivi,

  • fare un test D-Dimer (soprattutto per i vaccinati). Per valutare il dato, moltiplicare per 10 la propria età. Ad esempio, soggetto di 25 anni, moltiplicato per 10 = 250. Il valore del D-Dimer dovrà essere inferiore a 250.


Qualora abbiate una domanda, mi tengo a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.


N. M. V.





77 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page